Mercatino Fiera del Radioamatore 2017:
Maggiori informazioni attraverso la pagina Facebook

Siate numerosi come sempre!


Ecco un semplice tool online per calcolare perimetro od area di un’ellisse ONLINE.

Dati i semiassi A e B:
A: B:
Perimetro: Area:

Sperando che questo calcolo al volo possa tornare utile anche a voi!

Quasi tutti i webmaster utilizzano diversi servizi per localizzare i visitatori dei propri siti. Tra questi Google Analytics è uno dei più utilizzati. Visitando un sito web di questi poi, è molto probabile che i vostri dati quali ip, posizione, browser e altri dati di sistema siano inviati a Google.
Se sei preoccupato per la tua privacy comunque la stessa Google mette a disposizione un semplice plugin da installare nel browser che blocca gli script di Google Analytics.
Il plugin (installabile da qui) è disponibile per IE7, IE8, Google Chrome 4 o superiore e per Firefox 3.5 o superiore.

Anche installando plugin installato non si può restare comunque anonimi al 100%, tanti altri siti utilizzano diversi servizi, anche più di uno per reperire quante più informazioni sui visitatori. Come libersarsene una volta per tutte? Non si può! Conviviamo con l’idea che siamo continuamente osservati!
Alla prossima.

Link Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics

HTML5 ha introdotto una serie di nuovi tipi di input, uno dei quali è il tipo “number” che, appunto, è un campo di modulo che accetta input numerici. Che cosa succede in Google Chrome con il seguente codice HTML, quando cerchiamo di entrare in un (a virgola mobile) decimale numero e inviare il modulo?

<input type="number" />

Su Firefox ad esempio non succede. Si tratta quindi di un bug? No, il campo di modulo si comporta come definito dal W3C.

I nuovi campi input di tipo “number” possono avere gli ulteriori attributi “min” e “step”, limitando l’intervallo dei valori consentiti.
L’attributo “min” è abbastanza ovvio: è il valore minimo che può essere inserito.
L’attributo “step” è meno intuitivo: esso è il passo e controlla l’incremento/ decremento quando si clicca sui tastini su / giù del campo di input.
Tuttavia, l’attributo step determina anche che i valori sono validi, quindi ad esempio con un step=’1′ sarà possibile inserire valori 1, 2, 3 ecc e con step=2 significa che è possibile immettere 2, 4, 6, ecc, ma inserendo numeri tipo 3 o 5 verrà segnalato un errore di convalida, poiche sono valori non previsti dal passo.
È inoltre possibile utilizzare un valore decimale: ad esempio, un passo di 0.3 permetterà valori come 0.3, 0.6, 0.9, ecc, ma non 1 o 2.
Ma se è vostra intenzione far accettare tutti i numeri che siano interi o decimali, vi basterà inizializzare l’attributo step=’any’:

<input type="number" step="any"/>

In questo modo risolverete anche il messaggio d’errore mostrato sopra!

Ultimamente ho migrato un mio sito web da linux a windows. Le prestazioni MySql si sono rivelate davvero deludenti, anche una semplice query di SELECT in una tabella di poche decine di righe impiegava quasi 10 secondi per essere eseguita!
Dopo aver provato invano ad aumentare la memoria e a disattivare la cache dell’hard disk, ho constatato che il problema è causato dalla gestione IPv6 delle ultime versioni di Windows (7, server 2008 e affini).
Come ho risolto? Nella connessione al db (mysql_connect) ho sostituito localhost con 127.0.0.1
Appena sostituito i tempi di risposta sono diventati molto più accettabili.
Se vi è capitato anche a voi provate così e fatemi sapere.
Alla prossima!

Buongiorno. Utilizzando il mio pc sono capitato nell’errore “Interfaccia non supportata“, premettendo di non aver fatto alcuna operazione di installazione/disinstallazione, pulizia, modifiche al registro ecc. Praticamente ogni qualvolta provavo ad aprire una nuova finestra (una cartella qualsiasi, come anche pannello di controllo o anche propietà del computer) mi appariva sempre il medesimo errore. Cercando nella rete ho trovato questa operazione semplice che potrà tornare utile a qualcun altro qualora si ripresentasse.

    1. Cliccate il pulsante Start
    2. Nella barra di ricerca scrivete cmd
    3. Nella schermata apparsa incollate il seguente comando (dovete selezionare tutte le righe successive, cliccare copia, e nella finestra fate tasto destro in nello spazio nero e selezionate incolla) :
      regsvr32 comcat.dll /s
      regsvr32 CSSEQCHK.DLL /s
      regsvr32 shdoc401.dll /s
      regsvr32 shdoc401.dll /i /s
      regsvr32 asctrls.ocx /s
      regsvr32 oleaut32.dll /s
      regsvr32 shdocvw.dll /I /s
      regsvr32 shdocvw.dll /s
      regsvr32 browseui.dll /s
      regsvr32 browsewm.dll /s
      regsvr32 browseui.dll /I /s
      regsvr32 msrating.dll /s
      regsvr32 mlang.dll /s
      regsvr32 hlink.dll /s
      rem regsvr32 mshtml.dll /s
      regsvr32 mshtmled.dll /s
      regsvr32 urlmon.dll /s
      regsvr32 plugin.ocx /s
      regsvr32 sendmail.dll /s
      rem regsvr32 comctl32.dll /i /s
      rem regsvr32 inetcpl.cpl /i /s
      rem regsvr32 mshtml.dll /i /s
      regsvr32 scrobj.dll /s
      regsvr32 mmefxe.ocx /s
      rem regsvr32 proctexe.ocx mshta.exe /register /s
      regsvr32 corpol.dll /s
      regsvr32 jscript.dll /s
      regsvr32 msxml.dll /s
      regsvr32 imgutil.dll /s
      regsvr32 thumbvw.dll /s
      regsvr32 cryptext.dll /s
      regsvr32 rsabase.dll /s
      rem regsvr32 triedit.dll /s
      rem regsvr32 dhtmled.ocx /s
      regsvr32 inseng.dll /s
      regsvr32 iesetup.dll /i /s
      rem regsvr32 hmmapi.dll /s
      regsvr32 cryptdlg.dll /s
      regsvr32 actxprxy.dll /s
      regsvr32 dispex.dll /s
      regsvr32 occache.dll /s
      regsvr32 occache.dll /i /s
      regsvr32 iepeers.dll /s
      rem regsvr32 wininet.dll /i /s
      regsvr32 urlmon.dll /i /s
      rem regsvr32 digest.dll /i /s
      regsvr32 cdfview.dll /s
      regsvr32 webcheck.dll /s
      regsvr32 mobsync.dll /s
      regsvr32 pngfilt.dll /s
      regsvr32 licmgr10.dll /s
      regsvr32 icmfilter.dll /s
      regsvr32 hhctrl.ocx /s
      regsvr32 inetcfg.dll /s
      rem regsvr32 trialoc.dll /s
      regsvr32 tdc.ocx /s
      regsvr32 MSR2C.DLL /s
      regsvr32 msident.dll /s
      regsvr32 msieftp.dll /s
      regsvr32 xmsconf.ocx /s
      regsvr32 ils.dll /s
      regsvr32 msoeacct.dll /s
      rem regsvr32 wab32.dll /s
      rem regsvr32 wabimp.dll /s
      rem regsvr32 wabfind.dll /s
      rem regsvr32 oemiglib.dll /s
      rem regsvr32 directdb.dll /s
      regsvr32 inetcomm.dll /s
      rem regsvr32 msoe.dll /s
      rem regsvr32 oeimport.dll /s
      regsvr32 msdxm.ocx /s
      regsvr32 dxmasf.dll /s
      rem regsvr32 laprxy.dll /s
      regsvr32 l3codecx.ax /s
      regsvr32 acelpdec.ax /s
      regsvr32 mpg4ds32.ax /s
      regsvr32 voxmsdec.ax /s
      regsvr32 danim.dll /s
      regsvr32 Daxctle.ocx /s
      regsvr32 lmrt.dll /s
      regsvr32 datime.dll /s
      regsvr32 dxtrans.dll /s
      regsvr32 dxtmsft.dll /s
      rem regsvr32 vgx.dll /s
      regsvr32 WEBPOST.DLL /s
      regsvr32 WPWIZDLL.DLL /s
      regsvr32 POSTWPP.DLL /s
      regsvr32 CRSWPP.DLL /s
      regsvr32 FTPWPP.DLL /s
      regsvr32 FPWPP.DLL /s
      rem regsvr32 FLUPL.OCX /s
      regsvr32 wshom.ocx /s
      regsvr32 wshext.dll /s
      regsvr32 vbscript.dll /s
      regsvr32 scrrun.dll mstinit.exe /setup /s
      regsvr32 msnsspc.dll /SspcCreateSspiReg /s
      regsvr32 msapsspc.dll /SspcCreateSspiReg /s
      regsvr32 licdll.dll /s
      regsvr32 regwizc.dll /s
      regsvr32 softpub.dll /s
      regsvr32 IEDKCS32.DLL /s
      regsvr32 MSTIME.DLL /s
      regsvr32 WINTRUST.DLL /s
      regsvr32 INITPKI.DLL /s
      regsvr32 DSSENH.DLL /s
      regsvr32 RSAENH.DLL /s
      regsvr32 CRYPTDLG.DLL /s
      regsvr32 Gpkcsp.dll /s
      regsvr32 Sccbase.dll /s
      regsvr32 Slbcsp.dll /s
  1. In automatico verranno registrate nuovamente tutte le dll necessarie e al 99% sarà tutto sistemato

Spero vi potrà essere di aiuto!


Ecco un semplice tool online per calcolare velocemente diametro, raggio, circonferenza (perimetro) od area di un cerchio ONLINE, qui.

Dato il diametro:
Raggio: Circonferenza: Area:

 

Dato il raggio:
Diametro: Circonferenza: Area:

 

Data la circonferenza:
Raggio: Diametro: Area:

 

Data l’area:
Raggio: Diametro: Circonferenza:

Sperando che questo calcolo al volo possa tornare utile anche a voi!

Dropbox (e affini) è un servizio davvero utile. Recentemente ho iniziato a costruire applicazioni che possono essere aggiornate dinamicamente, semplicemente copiando i file in una cartella condivisa con Dropbox! La soluzione sta nell’impostare Dropbox come un servizio windows sul server.

Siccome quest’ultima non è una funzionalità nativa di Dropbox, faccio presente che non sarà possibile utilizzare l’interfaccia grafica standard del programma (quindi modificare i paramentri, cartelle condivise e via dicendo), senonché stoppando temporaneamente il servizio.

  1. Prima di iniziare vi consiglio disabilitare l’avvio automatico dell’interfaccio di Dropbox, tasto destro sull’icona notifica -> Preferences -> Togliete le spunte “Show desktop notifications” e “Start Dropbox on system startup”
  2. Chiudere Dropbox (Tast dx icona notifica->exit)

Questo è il piccolo prezzo per poterlo utilizzare come servizio, e non è da meno.

  1. Scaricare il “Windows Server 2003 Resource Kit” da qui
  2. Aprite il prompt da Start->Programmi->Windows Resource Kit Tools->Command Shell
  3. Eseguite il comando instsrv Dropbox "C:\Programmi\Windows Resource Kits\Tools\srvany.exe"

In questo modo avremmo creato un servizio ancora “fittizio” (non serve a niente) ma comunque reale che si chiama “Dropbox”)

Ora sarebbe utile impostare i diritti amministrativi per eseguire il servizio, per farlo

  1. Andate in “Gestione computer”, ci arrivate dal pannello di controllo o Tasto Dx su Risorse del Computer -> Gestione
  2. Aprite la scheda “Servizi e applicazioni->Servizi”
  3. Cercate il servizio appena creato “Dropbox”, tasto dx -> Proprietà, scheda connessione e impostate il pallino su Account, dopodiche inserire i dati richiesti (username e password 2 volte), confermate e chiudete tutto.

Ultimo passo, associare il servizio al vero eseguibile di dropbox, quindi

  1. aprite il registro (start->esegui-> digitate “regedit”)
  2. seguite la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Dropbox
  3. All’interno create la chiave “Parameters”, e all’interno di quest’ultima inserite un nuovo valore di tipo “REG_SZ” (Nuovo->Valore stringa) e lo rinominate “Application”.
  4. Ora modificate il dato di application e inserite il percorso completo dell’eseguibile di dropbox, in genere C:\Documents and Settings\VOSTRO_UTENTE\Dati applicazioni\Dropbox\bin\Dropbox.exe, altrimenti lo trovate cliccando col tasto destro l’icona di Dropbox -> proprietà, e copiatevi “destinazione”.

Ora avviatelo e testatelo su Start -> Esegui -> digitate cmd -> nel prompt digitate NET START dropbox. Se è tutto corretto visualizzerete “avvio del servizio Dropbox riuscito

Complimenti!

Vi faccio presente un utilizzo dei css per personalizzare a nostro piacimento il tag title. Cercando su internet la maggior parte dei tutorial mostrano come creare un “effetto title” per meglio dire, che utilizza un elemento nascosto che al passaggio del mouse diventa visibile.
Come metodo l’ho trovato sì utile, ma sporco. Sono dell’opinione che se vogliamo il title, dobbiamo usare il title.

Questo è lo stile per la classe stile_title:

.stile_title {
position: relative;
}

.stile_title[data]:hover:after {
font-size: 15px;
content: attr(data);
padding: 4px 8px;
color: #333;
position: absolute;
left: 10px;
top: 10px;
white-space: nowrap;
z-index: 20;
-moz-border-radius: 5px;
-webkit-border-radius: 5px;
border-radius: 5px;
-moz-box-shadow: 0px 0px 4px #222;
-webkit-box-shadow: 0px 0px 4px #222;
box-shadow: 0px 0px 4px #222;
background-color: #eeeeee;
background-image: -moz-linear-gradient(top, #eeeeee, #ffffff);
background-image: -webkit-gradient(linear,left top,left bottom,color-stop(0, #eeeeee),color-stop(1, #ffffff));
background-image: -webkit-linear-gradient(top, #eeeeee, #ffffff);
background-image: -moz-linear-gradient(top, #eeeeee, #ffffff);
background-image: -ms-linear-gradient(top, #eeeeee, #ffffff);
background-image: -o-linear-gradient(top, #eeeeee, #ffffff);
}

Unica annotazione:
Ho utilizzato il testo che sarà contenuto nell’attributo data piuttosto che title, poiche qualora passassimo il mouse su un elemento personalizzato con questa classe, avremmo un doppio tag title: il nostro personalizzato più quello del browser. Così facendo invece tutto funzionerà come ci aspettiamo.
scriveremo quindi: <div class="stile_title" data="Questo sarà il testo visualizzato"

Qui trovate l’esempio con tutto quello che vi ho scritto:
DEMO